Diario

12 agosto 2016
Biografia sintetica:
Sono nato nel 1953 a Napoli, città in cui vivo. Ho sempre disegnato e dipinto fin dalla più piccola età in modo spontaneo e naturale.
Solo da pochi anni mi dedico con impegno a questa attività, ottenendo consensi e riconoscimenti a rassegne e concorsi dove ho partecipato.
Le mie opere, frutto di una continua ricerca tecnica ed espressiva, sono di un realismo particolare che mi piace definire “soggettivo”.
Raffiguro preferibilmente volti cercando , oltre l’apparenza, di esprimere la mia realtà interiore, l’elaborazione personale della mia percezione visiva che, a volte, sembra coincidere oggettivamente con la realtà rappresentata, ma a una analisi più attenta rivela particolarità che vanno oltre il comune vedere “fotografico”.

11 agosto 2016
Oggi ho deciso di dare un aspetto più dinamico a questo sito un pò abbandonato negli ultimi sei mesi. Il tempo è poco rispetto alla moltitudine di cose da fare, ma forse il tempo dell’obbligo lavorativo sta per finire per iniziare il tempo dell’essere veramente se stesso

Agosto 2015

La novità di questo mese è che ho creato il mio blog artistico, il mio spazio web dove posso pubblicare e scrivere del mio percorso artistico rivolto a un pubblico immaginario, per adesso, ma che mi stimola a una dialettica interna che non può far altro che farmi migliorare, sia dal punto di vista dei mezzi artistici a disposizione e della tecnica pittorica sia, maggiormente, con l’aumentare della consapevolezza della mia visione artistica e delle mie possibilità per realizzare questa visione.

Mentre dipingo

In questo mese ho completato ma non finito del tutto il quadro “malinconia” tratto da una foto trovata sul Web. L’ho messo da parte anche se potevo aumentare ulteriormente il contrasto tra chiari e scuri con opportune velature, ma altri impegni sono sopraggiunti. Questo quadro rispetto alla foto originale mostra uno sguardo leggermente più divergente e con le luci negli occhi un po’ più accentuate come se si fissasse l’attimo prima che precede il pianto, il culmine della tensione che partendo da ricordi di cose che non ci sono più o che non ci sono mai state, seppur desiderate, trova la sua scarica in un dolce pianto.

Autoritratto082015

Se in “Malinconia” ho sperimentato la pittura ad olio monocroma utilizzando solo il bianco e il bruno, nel mio autoritratto sono passato al colore chiarendomi ancor di più il mio sistema pittorico, anche questo quadro andrebbe completato con una maggiore differenziazione sia dei capelli che della barba Ho sperimentato questo mio nuovo modo di dipingere che ritengo più efficace e più rispondente alle mie esigenze artistiche rispetto al metodo alla prima  o a quello dell’abbozzo monocromo che ho utilizzato negli anni passati.  Ho chiarito a me stesso che la mia tecnica pittorica deriva dalla mia tecnica del disegno che non bisogna mai trascurare perché stimola a vedere meglio e più nei dettagli la realtà.

Ho una grossa difficoltà a trovare soggetti nuovi da dipingere, soggetti interessanti, non necessariamente belli ma che mi permettono di esprimere, rimanendo fedele al ritratto,  un mio tratto personale. Ho disegnato quindi mia madre in uno dei suoi splendidi sorrisi che, nonostante l’età ,  sono una sua bellissima caratteristica. Questo disegno mi ha permesso di ottenere in un gruppo di Facebook “Amici Artisti” con mia grande meraviglia più di 400 Like. Sono un perfezionista e quello che faccio lo ritengo al di sotto di quello che si potrebbe fare e per questo motivo non mi esalto molto e penso sempre di poter migliorare.

mia madre

Ho chiuso il mese iniziando un quadro a olio che ritrae sempre mia madre sorridente (sarà finito e pubblicato il 1 dicembre). Ho intenzione di far convergere in questo quadro le mie idee artistiche e tecniche che vanno delineandosi sempre più chiaramente.

Share
Vai alla barra degli strumenti