Autoritratto (Guarda oltre)

autoritratto

Raramente l’arte figurativa riesce ad amalgamare la semplice immagine ,con una carnalità tanto reale e profonda da rendere la realtà onirica e scarnificante al tempo stesso. Quando ciò accade la pittura diventa alchimia, si sublima in un volto, in un gesto o in un paesaggio, diventando il più sensuale veicolo di emozioni. La potenza di un sorriso o di uno sguardo frantuma la bidimensionalità alla quale l’immagine apparirebbe legata, fino a coinvolgere non solo lo sguardo, ma ogni goccia del nostro sentire. Una pittura fatta di suoni, di odori, di luci che si attenuano o si esaltano sulla frequenza dell’emozione che la tela trasmette: non semplice realismo, ma gocce di vita, frammenti di esistenze, che si dipanano come sequenze di un film sempre uguale, ma sempre diverso. (Ivano Ciminari – scrittore)

Salvatore Tesone

Grafite su carta

dimensioni 24X33

realizzato nel mese di Febbraio 2016

PSX_20160227_232348Viste le ridotte dimensioni realizzare la barba solo con grafite e gomma non mi dava il grado di dettaglio che volevo, ho usato allora una penna Uniposca bianca spessore 0,7 dopo aver fissato la grafite. L’operazione non è proprio semplice perché anche l’inchiostro deve scendere in modo dosato e differenziato per ogni tratto eliminando le eccedenze prima che secchino. Mi sembra che il processo sia andato a buon fine.

Salvatore è un mio collega il cui look ricorda gli hippies degli anni sessanta, molto interessante dal punto di vista visivo.

Autoritratto

Autoritratto

 

Realizzato nel mese di Luglio 2016 è un ulteriore passo nell’acquisizione di una padronanza tecnica utilizzando sempre il carboncino , cioè le matite carboncino della Contè a Paris le PierreNoir B 2B e 3B. Le dimensioni sono piccole per un disegno che si ispira all’iperrealismo ( 21X29) ma per adesso voglio rimanere su un grado di difficoltà più elevato anche se, come al solito , non sono mai soddisfatto del risultato.
13906741_1319814944702864_9158902169850568404_n

Studio

Studio di viso femminile, una giovane donna pensosa ma serena . La tecnica è grafite e matita Conté nera per i massimi scuri. Dimensioni 35X50.

PSX_20160709_171047

Ho lavorato cercando l’equilibrio tra una resa fotografica e un tratto evidente che esprimesse il mio modo istintivo di disegnare. Mi rendo conto che la padronanza del mezzo tecnico mi da maggiori possibilità espressive che cerco di utilizzare per realizzare immagini originali dove la superficie viene continuamente lavorata cercando una profondità che non esiste e una differenziazione superficiale la più alta possibile. Per questo motivo ho introdotto la matita Conté nera che mi dà un nero più intenso.

Giovane ragazza con lentiggini

Grafite su foglio Fabriano liscio 24×33PSX_20160411_094356
Studio di un giovane viso con lentiggini
La luce abbastanza diffusa proviene dall’alto al centro dell’immagine. L’idea era di rendere sia la verosimiglianza complessiva della ragazza che della pelle dall’altra, in particolare il viso lentigginoso.

Studio di un viso

studio di donna
Questo studio è stato realizzato fondendo vari elementi di visi di donna visti e poi reimmaginati e ricreati sul foglio. Gli elementi oggetto dello studio sono il chiaroscuro, la resa della superficie della pelle, i capelli, occhi, naso e bocca.
Parallelamente allo studio tecnico l’intenzione era di rappresentare un bel viso cercando di rendere la bellezza eterea della giovinezza.